Storia del club 1988-2004

La vera storia dell’unico club ufficiale raccontata da uno dei fondatori e attuale vice-presidente Luca Piacenti.

1986

Siamo alla fine del 1986 e Walter Vallese entra in possesso di una Beta Montecarlo prima serie, entusiasta di questa particolare Lancia, scrive un annuncio su di un giornale locale per trovare altri appassionati, sono queste le prime basi del futuro sodalizio.

Ma essendo proprio un giornale locale non ebbe risonanza e nessuno rispose a questo “richiamo”. Walter non si dette per vinto e dopo alcuni mesi (siamo nel 1987) ritentò con la rivista allora più importante del settore, AutoCapital.

Auto Capital

Auto Capital

Finalmente arrivò la prima lettera in risposta, in seguito rivelata decisiva, che diceva più o meno così: “Siamo padre e figlio appassionati possessori della Lancia Beta Montecarlo, intenzionati a condividere la passione con altre persone. Avevamo avuto la tua stessa idea ma ci hai preceduto. Se sei d’accordo potremo collaborare…”

Gli autori di questa lettera eravamo io e mio padre Mario, abitanti in quella valle dove qualche anno prima le Beta Montecarlo Turbo avevano segnato diverse vittorie, sul tracciato del Circuito del Mugello. Fu così che nel Mugello, parte l’idea di realizzare il primo incontro ufficiale del nuovo sodalizio, proprio sul famoso tracciato toscano. Nei mesi che seguirono molte persone si misero in contatto. Telefonai addirittura a tutte le concessionarie d’Italia per avere gli indirizzi di potenziali possessori, facendo arrivare così a casa mia una bolletta astronomica, ma è vero che la passione va oltre a tutto..

1987

 

.

.

Intanto Walter incontrò due persone che entreranno a far parte del sodalizio con cariche ufficiali: Fabio Gritti, un simpaticone sempre presente alle varie manifestazioni con la sua Montecarlo color oro champagne sempre perfetta e con un motore super preparato; Renzo Braga che strapazzava la sua Montecarlo su piste di terra (solo in seguito si scoprì che era vice campione europeo di autocross e campione italiano).

Le basi per la nascita erano ormai certe e anche il primo incontro era ormai imminente.

Però ogni Club, Sodalizio o Registro che si rispetti ha un suo Logo personale, il simbolo che lo contraddistingue dagli altri, e così doveva essere anche per il nostro.

Così, io e Walter Vallese disegnammo alcuni bozzetti e li inviammo alla Lancia a Torino. Era la fine del 1987.

1988

Il 15.03.1988 mi arrivò a casa una busta intestata “ufficio pubbliche relazioni Lancia”

Ricordo ancora l’eccitazione di quel momento, volli subito aprirla. La lettera era firmata da Luigi Pellisier , responsabile delle P.R. Lancia che ci aveva risposto! La lettera iniziava così: “Apprendiamo dalla Vostra cortese lettera che è in atto la costituzione del Registro Beta Montecarlo i cui aderenti sono già circa una settantina. Ci congratuliamo con Voi per l’iniziativa volta ad aggregare in sodalizio queste persone accomunate dalla passione per la nostra Marca , augurandoVi il pieno successo della stessa.”

Registro Beta Montecarlo

Registro Beta Montecarlo

La lettera continua poi con i particolari tecnici di come doveva essere il logo e in allegato era predisposto lo stesso a colori. Nasceva così il logo del “ REGISTRO LANCIA BETA MONTECARLO ”.

Intanto Walter Vallese aveva contattato anche l’ ABARTH di Corso Marche (TO), che ci rispose nell’Aprile del 1988. Nella lettera veniva precisato che le 037 derivavano dalla Montecarlo stradale, che utilizzavano la parte centrale del telaio, e pertanto si riteneva corretto iscrivere le 037 nel Registro Lancia Beta Montecarlo, autorizzandoci di fatto a censirle ed iscriverle al sodalizio.

La lettera fu firmata dal responsabile dell’organizzazione corse C. Isemburg. Io e Walter eravamo al settimo cielo.

Intanto l’organizzazione del raduno curato da me e mio padre andava avanti e aumentavano i simpatizzanti possessori, desiderosi di incontrarsi al più presto.

Volevamo una manifestazione unica che rimanesse nella storia della Montecarlo e così fu.

Con l’aiuto della Lancia, nello specifico dell’Area Centro allora diretta dal Sig. Carrozza, fu organizzata sia la parte logistica, che la parte pubblicitaria dell’evento. Infatti venne interessata la stampa con vari articoli sui quotidiani e mensili di auto. Addirittura fu realizzata appositamente la pubblicità sul network televisivo ITALIA 7 allora diffuso in tutto il centro Italia.

Primo Raduno sul circuito del Mugello

Primo Raduno sul circuito del Mugello

Giungiamo così alla fatidica data del 29.05.1988, giorno del mio 25° compleanno, ricordo che sulla tabella adesiva del raduno avevo appunto il numero 25. Il primo raduno fu un vero e proprio Montecarlo Day; arrivarono al circuito esattamente 104 Lancia Beta Montecarlo, tra cui una Scorpion modello america allora molto rara di proprietà del Sig. Bonardi di Cremona; parteciparono inoltre anche alcune Lancia ospiti, una stratos del sig. Marinai e una lancia rally 037 stradale dell’amico Guido Anzilotti.

Ricordo che il paddok era tappezzato di bandiere e striscioni Lancia, con lo stand ufficiale Lancia al centro con le hostess e le vetture dell’allora produzione che facevano bella mostra di se .

Furono così ufficializzati i primi soci del Registro. Ricordo che Vincenzo Vezzali (giovane rampante manager di Maranello) partecipante al raduno con la sua Montecarlo, ci aiutò con il suo computer a formalizzare la prima lista dei nuovi soci.

A seguire vi furono poi tanti articoli sui giornali, tra i tanti un bellissimo articolo sulla manifestazione fu quello di AUTO D’EPOCA, che ci dedicò 4 pagine a colori, (Numero Luglio/Agosto 1988). Questa testata ci è stata poi sempre vicino, dando risalto alle nostre iniziative.

Mugello 1988

Mugello 1988

Ricordo così per la cronaca che in quell’anno si ricostituì la toscana “Scuderia Automobilistica Biondetti” che bei tempi……come era diverso il mondo delle storiche.. la Coppa Storica della Collina era alle 3a edizione e la Stella Alpina era alla 4a rievocazione. Ma soprattutto il 1988 fu l’anno del I° ELBA GRAFFITI …che vide apripista la Lancia Stratos ex ufficiale in livrea Pirelli del museo Lancia.

Ma il 1988 non finì così per le Montecarlo e fu organizzato magistralmente da Walter Vallese il “ I° Raid dei colli euganei ” che vide ben 60 partecipanti, con due vetture ospiti di prestigio, la Beta Montecarlo Turbo Endurance e la 037 rally del pilota gentleman KABIBO.

Parteciparono ricordo, anche due 037 stradali condotte da Piero Bottini e Livio Asperges che saranno poi presenti a tutte le nostre manifestazioni. Ricordo inoltre la Scorpion guidata dal simpaticone milanese, grande amico ed appassionato di Lancia Scorpion Giancarlo Cometta , che diventerà poi responsabile della regione Lombardia per il registro… , è lo è tuttora!!!! Giancarlo, tu e la tua passione non invecchiate mai!!

Il lavoro dello staff dirigente era instancabile, così si decise la partecipazione all’importante manifestazione “ Mostra dell’Auto d’Epoca ” di Padova, con uno stand e delle vetture da esporre.

Trofeo San Martino

Trofeo San Martino

Fu un vero successo, altri soci si aggregarono, il censimento era in aumento e alla fine del 1988 si arriverà ad avere circa 300 soci e censito oltre 600 Montecarlo.

Nel Settembre 1988 sei Beta Montecarlo parteciparono al 1° Mugello Autoday organizzato dall’ Auto Moto Club Storico Mugello. Fu organizzato il Raduno Regionale del Veneto.

A Novembre alcuni soci parteciparono anche al “ Trofeo SAN MARTINO Città di Belluno ”

1989

Il 1989 fu un anno importante per il Registro, con la costituzione del 1° Campionato interno e la costituzione ufficiale del sodalizio con atto costitutivo di associazione che fu sottoscritto a Prato presso il Notaio Bruno Rolfo il 10 Aprile 1989 con atto REP.66195 raccolta n.9839; all’epoca il consiglio direttivo si componeva dei soci fondatori: Presidente Walter Vallese, Vice Presidente Luca Piacenti , Segretario Fabio Gritti, Tesoriere Mario Piacenti , Consigliere Renzo Braga.

Furono da subito incaricati alcuni responsabili di Regione, ricordo Paolo Esposito per la regione Umbria , Giancarlo Cometta per la Lombardia, Sandro Maffei per il Lazio.

Il primo campionato prevedeva 4 prove di abilità di guida così suddivise:

I Prova “II° Raduno Internazionale Autodromo del Mugello”
II Prova “Ospiti Super prova Spettacolo 9°Rally internazionale di Pescara”
III Prova “Città di Pistoia e Montecatini Terme” prova slalom su strada chiusa
IV Prova “II° Raid Dei Colli Euganei”

Furono organizzati inoltre due incontri Regionali uno per la Toscana ed Emilia, l’altro per il Veneto.

A Ottobre due Beta Montecarlo, la mia e quella di Maurizio Tei parteciparono come apripista alla I^ Rievocazione del Circuito Stradale del Mugello che fu organizzata dal Camet e dalla Giglio Corse con la supervisione della AIM ACI Firenze.

Ma il 1989 lo ricordiamo soprattutto per un tragico evento che ci colpì, l’amico Renzo Braga perse la vita per una tragica fatalità proprio al rientro del raduno del Mugello.

Così in suo ricordo fu istituito il I° trofeo “ Renzo Braga Memorial ”.

Tutti i soci conoscevano Renzo, sempre pronto a dare una mano durante i raduni a chi si trovava in difficoltà, oltre ad essere sempre pronto con una battuta a minimizzare i problemi dell’amico Fabio Gritti, e scherzare con tutti. Ci mancherai.

Auto d'Epoca - Padova

Auto d’Epoca – Padova

L’assemblea annuale decise di eleggere come consigliere la fidanzata di Braga, la signorina Michela Rampazzo .

Il primo campionato termina con la vittoria assoluta della Lancia Rally 037 condotta da Piero Bottini mentre il Renzo Braga Memorial viene assegnato ai fratelli Riccardo e Lele Aralla su Beta Montecarlo 1a serie.

Furono organizzati sia il raduno Regionale Veneto in Febbraio e quello per la Toscana ed Emilia in Aprile.

Da ricordare anche la partecipazione del Registro al 1a Rally Alpe Della Luna in Luglio e al “ Trofeo Ticino ”.

Il Registro partecipò al “I° Classic Car Show” di Modena ed alla Mostra di Auto D’Epoca di Padova con il proprio stand e con delle vetture esposte.

1990

Con il 1990 si continua la tradizione sportiva del Registro con l’acquisizione del certificato di Organizzatore CSAI. Si riparte così con il II° Trofeo interno Renzo Braga Memorial, tre le prove previste:

I Prova “1° Raduno Autodromo di Magione”
II Prova “Superprova 10° Rally Internazionale di Pescara”
III Prova “III° Raid dei Colli Euganei” Finale.

La vittoria viene bissata dai fratelli Aralla che oltre al “Renzo Braga Memorial” vincono anche il trofeo assoluto.

Presenti sia al salone di Padova che al Classic Car Show di Modena, in questa occasione durante il 2° Challange Interclub Modena le due nostre squadre partecipanti per un totale di 8 vetture avevano sul cofano anteriore un grosso adesivo con la seguente dicitura ”RAGAZZI SENZA LA DROGA E ‘ MEGLIO”.

Tre Beta Montecarlo Parteciparono inoltre Ufficialmente al I° Raduno del Fiat 130 Coupè Italian Style Pininfarina Club Owners. Inoltre ben 6 vetture del Registro parteciparono in Luglio al Raid del Montefeltro organizzato dall HF Club di Santarcangelo di Romagna.

1991

Montecarlo a Montecarlo

Montecarlo a Montecarlo

Nel 1991 un appuntamento aprì la stagione radunistica, il 6 e 7 Aprile “ Montecarlo a Montecarlo” raduno turistico nel Principato di Monaco. A seguire il “III° Raduno Internazionale Autodromo del Mugello” 1a prova di abilità di guida e il “IV Raid dei Colli Euganei” Prova di regolarità e 2a prova di abilità di guida.

A Novembre siamo di nuovo presenti alla “Mostra dell’Auto D’Epoca “ Padova dove viene presentato il primo giornalino trimestrale interno.

1992

Per il 1992 furono organizzate due manifestazioni, il “IV Raduno Internazionale Audromo del Mugello” e il “Raduno Autodromo di Lombardore”

1993

Il 1993 ci vede coinvolti nella “malattia” del Formula Rally manifestazioni corsaiole e divertenti, organizzando il “I° Formula Rally Vicenza”, una gara di Regolarità “Circuito Stradale Del Mugello”, il “ I° Formula Rally Padova” e Raduno turistico e la finale del V° “Renzo Braga Memorial”

Con il 1993 si chiude anche il primo quinquennio del Consiglio Direttivo.

1994

Auto d'Epoca - Padova

Auto d’Epoca – Padova

Il 1994 vede il Registro impegnato nella prova della Formula Rally a Vicenza in Marzo ed a Ottobre sulla pista di Monza insieme alle Delta per disputare la finale del 6° Renzo Braga Memorial, che verrà vinto dal socio Formenti.

Le premiazioni si sono svolte a Novembre in occasione della Mostra Auto D’Epoca di Padova.

1995

Il 1995 è l’ultimo anno di attività ufficiale del Registro, anche se per vari motivi i membri del consiglio sono latitanti, e così Walter Vallese continuò da solo. Il programma è comunque ricco di appuntamenti soprattutto legati al Formula Rally. Ad aprile la Prova di abilità Lago di Garda e Formula Rally Franciacorta (BS), a Settembre il Formula Rally Gazoldo a Mantova, a Ottobre il Formula Rally Ostiglia a Mantova e l’ormai classico stand al salone di Auto D’Epoca di Padova.

1996-2002

Alcune apparizioni non ufficiali sono state organizzate in seguito da Walter Vallese, come l’Incontro a Mantova al Museo Tazio Nuvolari, l’incontro di Verona nel 1998 e nel 2000 la partecipazione non ufficiale di alcuni ex soci all’Autodromo del Mugello per il Raduno Supercar.

2003

Il 2003 è l’anno in cui l’appassionato neo-possessore Andrea Ghilardi crea il sito internet dedicato alla Beta Montecarlo, e così per caso navigando in internet lo trovo, lo contatto subito, ci parliamo. L’incontro è emozionante forse più per lui… ma Andrea hai la mia stessa età di quando iniziai l’impresa di allora nel 1987 e tu avevi 6 anni!!

2004

Montecarlo nel Mugello 2004

Montecarlo nel Mugello 2004

Scherzi a parte, inizia l’organizzazione del raduno che avrebbe ridato vita al Registro, il Raduno del Ritorno. Nel 2004, con le “ MONTECARLO NEL MUGELLO ” riprende così l’attività del Registro Beta Montecarlo con l’incontro di vecchi e nuovi soci. In questa occasione viene eletto Presidente Andrea Ghilardi , Vice-presidente Luca Piacenti , segretario Mario Piacenti , consiglieri Giancarlo Cometta e Vincenzo Bonaga .

Ma soprattutto il lavoro che iniziò nel lontano 1987, l’impegno di tutti i protagonisti vecchi e nuovi, dai fondatori ai partecipanti i raduni, ai vari collaboratori regionali è stato premiato , perché quello in cui credevamo e crediamo si è avverato qualche anno dopo, 18 per l’esattezza con il riconoscimento ufficiale del Lancia Club come Club di Modello riconosciuto e autorizzato, riconoscimento che ci onora e che deve essere patrimonio di tutti i “Montecarlisti”.

Un grazie veramente immenso a chi come me a dato tanto a questa passione, e un grande grazie ad Andrea perchè ha saputo ridare fiducia e forza alla ripresa dell’attività.

Montecarlo nel Mugello 2004

Montecarlo nel Mugello 2004

Scrivendo tutta la nostra storia ammetto ho rivissuto quegli anni e la commozione non è mancata, e scusatemi se ho dimenticato qualcosa o qualcuno. Mi auguro che il Registro Beta Montecarlo, che oggi cambia la sua denominazione in BETA MONTECARLO CLUB ITALIA (come da direttive Lancia Club) possa farmi e far nuovamente godere a tutti i soci i tanti anni di successi.

Buon Compleanno Beta Montecarlo per i tuoi 30 anni (1975-2005)

Luca Piacenti

(Questo testo è stato pubblicato su: “Lancia Beta Montecarlo” – Giorgio Nada Editore – Autore Dott. Bruno Vettore)

Fotogallery

 

3 risposte a Storia del club 1988-2004

  1. Riccardo scrive:

    Ciao Walter , sono Riccardo Aralla , ti ricordi di me ? Dopo 20 anni mi sono svegliato ed ho cercato il sito ufficiale … ed ecco l’ho trovato …
    Attendo un tuo riscontro per poterci ri-incontrare .
    Saluti
    Riccardo

  2. MArco Formenti scrive:

    Ciao a tutti sono Marco Formenti vincitore del Memorial nel 1994 ho ancora tante foto se ne servisse qualcuna per il sito chiedete pure

    un abbraccio a Walter Vallese

    Marco

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: