LUBRIFICAZIONE A CARTER SECCO

Livio Salvino, oltre a essere un grande amico, ha elaborato diverse Beta Montecarlo per uso stradale, oltre alla famosa Montecarlo color oro che il Pilota Alessandro Trentini ha condotto vittoriosamente in tutta Italia aggiudicandosi il Challange Salita Auto Storiche

Moderatore: livio salvino

livio salvino
Messaggi: 41
Iscritto il: martedì 3 settembre 2013, 21:18
Modello: Non ho la montecarlo...
Da dove scrivi: ciriè (to)

LUBRIFICAZIONE A CARTER SECCO

Messaggio da livio salvino » giovedì 3 ottobre 2013, 21:35

In alcuni motori da competizione e in vetture sportive di alto livello, per rendere più sicura la lubrificazione si ricorre al sistema del carter secco, in pratica si elimina l’olio dalla coppa e al posto della coppa sarà montato un raccoglitore con 2 raccordi di uscita e l’olio sarà inviato a un serbatoio esterno al motore; questo sistema necessita di 2 pompe una che aspira l’olio dal raccoglitore e lo manda prima nel radiatore dell’olio e poi al serbatoio. Dal serbatoio un’altra pompa lo spingerà direttamente nel motore.
Ho avuto modo di lavorare sul motore della Lancia Beta Montecarlo, il proprietario inglese mi ha fornito un kit made in UK, vi posto qualche calcolo e qualche immagine

SPECIFICHE_POMPA_OLIO_tradotto.jpg
SCHEMA FLUSSO OLIO CARTER SECCO.jpg
DISEGNO POMPA.jpg
CIMG4977.JPG

livio salvino
Messaggi: 41
Iscritto il: martedì 3 settembre 2013, 21:18
Modello: Non ho la montecarlo...
Da dove scrivi: ciriè (to)

Re: LUBRIFICAZIONE A CARTER SECCO

Messaggio da livio salvino » giovedì 3 ottobre 2013, 21:38

e le foto del motore sul banco prova con i vari particolari,
Lancia Beta su Banco Prova (1).JPG
Lancia Beta su Banco Prova (2).JPG
Lancia Beta su Banco Prova (3).JPG
Lancia Beta su Banco Prova (4).JPG

livio salvino
Messaggi: 41
Iscritto il: martedì 3 settembre 2013, 21:18
Modello: Non ho la montecarlo...
Da dove scrivi: ciriè (to)

Re: LUBRIFICAZIONE A CARTER SECCO

Messaggio da livio salvino » giovedì 3 ottobre 2013, 21:42

Lancia Beta su Banco Prova (5).JPG
Lancia Beta su Banco Prova (6).JPG
dopo 8/9 ore di rodaggio il risultato ai fini pratici della lubrificazione sono eccellenti come pressione di esercizio, temperatura olio ed emulsionatura.

Direi obbiettivo raggiunto!

saluti a tutti da Livio

p.s. dimenticavo sul banco prova abbiamo letto una coppia max di 32 kgm a 5000 giri min e una potenza di 203,5 cavalli a 7400giri minuto niente male per un motore a carburatori e 2 valvole per cilindro 8-)

Andrea
Site Admin
Messaggi: 156
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Modello: Prima Serie Coupé
Da dove scrivi: Lucca

Re: LUBRIFICAZIONE A CARTER SECCO

Messaggio da Andrea » giovedì 3 ottobre 2013, 22:02

Livio, le foto del motore sul banco sono spettacolari.

Ora mi studio bene bene i tuoi appunti...

Che affidabilità hanno soluzioni del genere ?? Sono utilizzabili su un auto da uso stradale ???
Andrea Ghilardi
Montecarlo coupè celeste del 1977
Iscriviti al Beta Montecarlo Club Italia: https://bit.ly/3heEGCG

livio salvino
Messaggi: 41
Iscritto il: martedì 3 settembre 2013, 21:18
Modello: Non ho la montecarlo...
Da dove scrivi: ciriè (to)

Re: LUBRIFICAZIONE A CARTER SECCO

Messaggio da livio salvino » giovedì 3 ottobre 2013, 22:14

la soluzione carter secco si puo anche utilizzare anche per vetture stradali,molte auto da me preparate anche solo stradali montano il carter secco per esempio DINO FERRARI 246 gt, FERRARI 348 e tutti i Porshe 911,queste vetture lo montano di serie, certo che fare uno stradale con il carter secco sarebbe una cosa eccezionale, li sicuro che non la si fonde piu!!!!
Ultima modifica di livio salvino il giovedì 3 ottobre 2013, 22:17, modificato 1 volta in totale.

Andrea
Site Admin
Messaggi: 156
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Modello: Prima Serie Coupé
Da dove scrivi: Lucca

Re: LUBRIFICAZIONE A CARTER SECCO

Messaggio da Andrea » giovedì 3 ottobre 2013, 22:16

Ma richiede una manutenzione particolare ??
Andrea Ghilardi
Montecarlo coupè celeste del 1977
Iscriviti al Beta Montecarlo Club Italia: https://bit.ly/3heEGCG

livio salvino
Messaggi: 41
Iscritto il: martedì 3 settembre 2013, 21:18
Modello: Non ho la montecarlo...
Da dove scrivi: ciriè (to)

Re: LUBRIFICAZIONE A CARTER SECCO

Messaggio da livio salvino » giovedì 3 ottobre 2013, 22:24

non da problemi di manutenzioni fuori dal comune, è sufficiente avere il serbatoio dell'olio con un rubinetto di chiusura in modo che la vettura sta ferma un po di giorni l'olio del serbatoio non vada nel sottocoppa, altra precauzione,dovuto a una lunga inattività della vettura,consiglio di fare girare il motore con i cavi candele staccati,(perchè non parta)finchè l'olio sia andato in pressione e abbia spento la spia dell'olio

Andrea
Site Admin
Messaggi: 156
Iscritto il: giovedì 12 marzo 2009, 10:16
Modello: Prima Serie Coupé
Da dove scrivi: Lucca

Re: LUBRIFICAZIONE A CARTER SECCO

Messaggio da Andrea » giovedì 3 ottobre 2013, 22:55

Ok, grazie...

Che pressione dell'olio si raggiunge ?? Ci sono sistemi di sicurezza per evitare una sovrapressione ??
Andrea Ghilardi
Montecarlo coupè celeste del 1977
Iscriviti al Beta Montecarlo Club Italia: https://bit.ly/3heEGCG

livio salvino
Messaggi: 41
Iscritto il: martedì 3 settembre 2013, 21:18
Modello: Non ho la montecarlo...
Da dove scrivi: ciriè (to)

Re: LUBRIFICAZIONE A CARTER SECCO

Messaggio da livio salvino » giovedì 3 ottobre 2013, 22:59

Andrea, rispondo ancora a una tua domanda,l'affidabilità!!!!!con questo sistema di lubrificazione, sia una vettura da corsa che uno stradale l'affidabilità è estrema!!!
anche se tu, per assurdo camminassi su due ruote la lubrificazione continua a esserci!!

Bunkai
Messaggi: 111
Iscritto il: lunedì 6 agosto 2012, 8:59

Re: LUBRIFICAZIONE A CARTER SECCO

Messaggio da Bunkai » giovedì 3 ottobre 2013, 23:09

Buonasera, benvenuto sul forum e grazie per quanto ha postato.
Secondo la sua esperienza corrisponde al vero che l' utilizzo della lubrificazione a carter secco contribuisce ad una migliore resa del motore grazie ad una riduzione degli attriti eall' effetto vuoto che la pompa crea oppure è una esagerazione? Nel caso la risposta sia sia affermativa il guadagno in potenza è quantificabile?
Grazie e saluti, Fabio

Rispondi